Citrix XenDesktop: un approccio modulare

Citrix ha rilasciato un iteressante documento sulla progettazione di un’architettura XenDesktop modulare con alti elementi di affidabilità.

Una delle critiche mosse più spesso nei confronti della soluzione Citrix è proprio la complessità di implementazione di XenDesktop, soprattutto se confrontata con i diretti concorrenti. In realtà, nella vision di Citrix, XenDesktop non è soltato un broker per le HVM (hosted virtual machine), ma è la soluzione di delivery di desktop e applicazioni in grado di gestire macchine virtuali, ma anche desktop fisici, bladepc, desktop in modalità Terminal Server, applicazioni in streaming o applicazioni seamless con XenApp. Il tutto condito da soluzioni di monitoraggio, integrazione con i centralini VoIP, VPN over SSL e accelerazione su collegamenti WAN. E’ evidente che una tale ambizione si adatta malamente con il concetto di “semplicità” (anche se l’integrazione dei prodotti è sicuramente perfettibile).

Per fare un po’ di chiarezza e fornire un valido strumento a chi si vuole cimentare nel disegnare un’architettura affidabile, Citrix ha pubblicato un documento di 37 pagine nel quale descrive i vari componenti in maniera modulare:

  • Supporting Network Services
  • Image Module
  • Control Services Module
  • XenDesktop Control Module
  • Application Delivery Services in Place

A questi componenti è possibile aggiungere diversi moduli:

  • Hosted VM Desktop Module
  • Hosted Blade Desktop Module
  • Hosted Shared Desktop Module
  • Local Streamed Desktop Module

Il documento è ovviamente condito con una serie di considerazioni architetturali e di design e affronta anche il tema della fualt tolerance.

Per ulteriori informazioni:

  XenDesktop Reference Architecture (6,5 MiB)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.