Citrix rilascia XenServer Orlando Public Beta 2

31 Luglio 2008 Francesco Lascia un commento Vai ai commenti

Citrix ha reso pubblica la beta 2 del Progetto Orlando, destinato a diventare la prossima release di XenServer.Questa nuova release introduce uncerto numero di nuove features, tra le quali:

  • high availability automatica e altre funzioni di business continuity
  • Supporto per nuovi sistemi operativi, tra cui:
    – Windows Server 2008 (con supporto preliminare per le così dette “enlightenment optimizations”)
    – Windows XP SP3
    – Windows Vista SP1
    – SUSE Enterprise Linux 9 SP4 (32-bit) e versione 10 SP1 e SP2 (64-bit)
    – Red Hat Enterprise Linux 4.7 (32-bit) e 5.2 (32-bit e 64-bit)
  • Installazione da CD di SUSE Enterprise Linux 10
  • Supporto integrato per il multipath I/O su array Fibre Channel e iSCSI con configurazione di path active-active e schede di rete Active/active in bonding
  • Miglioramento delle performance per l’accesso a dischi virtuali in formato VHD su NFS storage locali
  • Snapshot di sistemi Windows su storage che supportano le funzioni di fast cloning e snapshot (solo tramite command line)
  • Migliorato il supporto per il PXE sulle macchine virtuali, in particolare per Altiris, Windows Deployment Services, e Citrix Provisioning Server
  • Migliorato il supporto per la configurazione della rete a livello host e degli storage repository all’interno di XenCenter
  • Ricerca, ordinamento e tagging in XenCenter per aumentare la scalabilità e la personalizzazione
  • interfaccia a menu per la console testuale a livello dell’host di XenServer
  • Migliorate le performance sui sistemi guest basati su Windows e XenApp (Presentation Server)
  • Ampliato l’elenco dell’hardware supportato, in particolare schede di rete e di storage

E’ evidnte lo sforzo Citrix nel rilasciare velocemente aggiornamenti e nuove feature per il proprio hypervisor per poter offrire un prodotto sempre più competitivo sia in termini di funzionalità, sia in termini di prezzi, soprattutto dopo l’annuncio dell’imminente aumento di prezzi del listino VMware.

Per ulteriori informazioni e download:

  1. Nessun commento ancora...
  1. Nessun trackback ancora...